Io e il super-Io

Verrà il giorno in cui l’ira funesta si abbatterà su di me. La grande menzogna svelata. Il buio del dolore avanzerà, le tenebre scenderanno e la luce si spegnerà per sempre. La spada dell’Angelo vendicatore mozzerà la mia testa, e sgorgherà sangue, tanto, fluente, scarlatto. E il flusso ematico si porterà via i peccati che ho commesso. Sono molti e non sono mai stati perdonati. Non da me stesso, non da Dio. L’Angelo non avrà pietà, e chiamerà a sé i quattro centauri, per infierire e trascinare all’Inferno chi starà accanto a me. Statemi lontano, finché siete in tempo, finché siete ancora puri! I cavalieri dell’Apocalisse monteranno quattro destrieri, scheletri ambulanti dagli occhi di brace. Indosseranno un mantello nero come pece, e un cappuccio ne celerà i capelli stopposi. Strazieranno le mie carni con lance appuntite, le lame taglienti dei coltelli affonderanno nel mio cuore di ghiaccio e ne faranno brandelli. Ogni cavaliere avrà in mano un fiammifero acceso. Pioverà petrolio, in quelle ore. Il mio cadavere sarà sporco, come io lo ero in vita, combustibile per l’ultimo rogo. Rimarranno solo le ossa, alla fine, nere anche quelle. Marce, putride, storte. Saranno spaccate dai colpi di cento martelli. I mari si riempiranno di acido muriatico. Io, empio e cattivo, bugiardo e sacrilego, sarò trascinato lì pezzo a pezzo e sciolto, perché di me non rimanga traccia, nemmeno una, cosicché l’oblio mi possa avvolgere per l’eternità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © SALVODANNA

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...